Le modifiche al codice penale approvate

La legge, approvata oggi alla Camera dei deputati in via definitiva, modifica in maniera definitiva l’ordinamento penale, sia sostanziale sia processuale, nonché l’ordinamento penitenziario.

Sul piano del diritto sostanziale, oltre all’introduzione di una nuova causa di estinzione dei reati perseguibili a querela, a seguito di condotte riparatorie, il provvedimento interviene sulla disciplina di alcuni gravi reati contro il patrimonio, furto in abitazione e scippo, rapina ed estorsione, inasprendone il quadro sanzionatorio.

Particolarmente significativa è poi la modifica alla disciplina della prescrizione. A questo proposito, si ricorda che l’Italia è stata da tempo messa in mora dall’OCSE per i ritardi nell’approvazione di una riforma della disciplina della prescrizione, volta a ridurre il rischio di vedere nei tre gradi di giudizio prescritti non solo delitti rilevanti ed odiosi, quali quelli in materia di corruzione, ma anche contravvenzioni, ad esempio come quelle in materia ambientale.

Il provvedimento, inoltre, attraverso un’ampia e dettagliata delega al Governo, interviene sul regime di procedibilità di alcuni reati, sulla disciplina delle misure di sicurezza, anche attraverso la rivisitazione del regime del cosiddetto doppio binario, e sul casellario giudiziario.

Vai al dossier completo sui contenuti della legge

Vai alla scheda dell’iter parlamentare

Comment(1)

  1. emanuela says

    Vorrei lamentarmi del fatto che condannati all’ergastolo per omicidio possano usufruire di benefici quali permessi premio o del lavoro esterno, ma ergastolo non vuol dire “fine pena mai”? Poi la gente scappa e la polizia deve affannarsi a cercarli e riprendermi impiegando forze che potrebbero essere più utilmente impiegate a protezione e sostegno delle comunità (dei buoni, intendo)

Post a comment